A Donetsk è arrivato l’ennesimo cosidetto convoglio «umanitario» russo

A Donetsk è arrivato un altro convoglio «umanitario» russo. Come dichiarano in Russia, è un aiuto indirizzato alle famiglie delle vittime e dei feriti minatori nella miniera di Zasiad’ko.

«Più di 20 camion hanno portato più di 200 tonnellate di aiuti cosiddetti «umanitari» per le famiglie dei minatori, ma anche per gli abitanti della città. Tra le merci i prodotti alimentari e medicine», ha detto il rappresentante del centro Nazionale per la gestione della crisi della Russia.
Come si nota da parte russa, il convoglio è stato formato di urgenza e preparato in un solo giorno.

Come riportato, al momento dell’esplosione nella miniera di Zasiad’ko a Donetsk il 4 marzo sono morti 34 minatori. I militanti non hanno dato permesso ai soccorritori ucraini di entrare alla miniera. Ora, secondo la relazione del ministero le emergenze, vi ci lavorano i soccorritori russi, medici e psicologi.

Lascia un commento