Dalla Russia verso la Crimea sono partiti diversi vagoni con il marchio di «pericolo Nucleare», — NSDC

Nel sistema di analitica centro del Consiglio di sicurezza nazionale dell’Ucraina dichiarare l’eventuale trasporto sul territorio è occupata della penisola di Crimea testate nucleari mobili di missili.

Lo racconta il centro di Informazione e di analisi NSDC.

«Secondo i dati operativi, il 23 aprile presso il consolato generale dell’Ucraina a Rostov-sul-Don, suonò un campanello d’allarme. Secondo il chiamante che per ovvi motivi ha voluto rimanere anonimo attraverso la stazione ferroviaria di Rostov presumibilmente in direzione della penisola di Crimea è attraversato il treno di diversi vagoni con il marchio di «pericolo Nucleare». Secondo gli abitanti della penisola, questi carichi sono stati ripetutamente osservati nel territorio occupato della repubblica autonoma», si legge nel messaggio.

NSDC osserva che gli esperti militari non escludono la possibilità di trasporto dai militari della federazione RUSSA sulla Crimea penisola di testate nucleari per dei missili mobili.

«E’ chiaro che la probabile presenza di armi nucleari russe in Crimea, come a suo tempo sovietici a Cuba, può rappresentare un potenziale pericolo, non solo per Ucraina, che, secondo accordi internazionali, la Russia deve difendere, che oggi è parte del teatro dell’assurdo. Questa situazione può diventare una minaccia anche l’Europa, parte dei paesi del Vicino e Medio Oriente», si legge nel messaggio.

Lascia un commento