> E come se non bastasse: il 15 febbraio, la Russia prevede di inviare un altro «convoglio umanitario» - NSDC - News Ucraina

E come se non bastasse: il 15 febbraio, la Russia prevede di inviare un altro «convoglio umanitario» — NSDC

La Russia intende di inviare in Ucraina il prossimo «convoglio umanitario» il 15 febbraio, cioè domani.

Durante il briefing ha riferito lo speaker ATO Andrea Lysenko.

«Data la sostanziale perdita di terroristi,l’ennesima colonna «del convoglio umanitario» dalla Russia alla regione di Donbass prevista per il 15 febbraio», ha detto.

Per informazioni NSDC , il carico da Mosca a Rostov consegnerà aviazione, e non le automobili, come prima.

Come riferiscono in un reparto, la perdita dei separatisti in un’ultimo giorno pari a circa 100 morti e 180 feriti. Ma tra militari ucraini, secondo Lysenko, sette sono morti e 26 combattenti feriti.

Come annunciato, il precedente «il convoglio umanitario» è venuto dalla Russia in Donbass il 8 febbraio scorso.

Secondo gli accordi fatti, adottati a Minsk, dalle 00.00 del 15 febbraio dovrebbe iniziare il cessate-il-fuoco. Dopo di che dovrebbe iniziare la dissipazione di armi pesanti.

Lascia un commento