> I parlamenti dell'Ucraina, la Polonia e la Lituania hanno invitato la Russia a ritirare le truppe dal Donbass - News Ucraina

I parlamenti dell’Ucraina, la Polonia e la Lituania hanno invitato la Russia a ritirare le truppe dal Donbass

Assemblea interparlamentare «Ucraina — Lituania — Polonia» esorta i governi e i cittadini degli stati europei di rispondere adeguatamente alla  propaganda russa e di resistere ad essa, esprime rispetto a quelli russi, che si oppongono alla politica di aggressione del loro potere, e si rivolge a tutti i cittadini della Russia non cedere alla propaganda.

Si dice nella  dichiarazione della Assemblea interparlamentare a Vilnius (Lituania) venerdì, pubblicata sul sito della Verkhovna Rada.

Assemblea interparlamentare condanna gli atti di aggressione della Russia e chiede di ritirare immediatamente tutta la tecnica militare, i militari e i gruppi armati di formazione illegali dal territorio dell’Ucraina. L’Assemblea ritiene che le sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia dovrebbero essere rafforzati in caso se lei continuerà a ignorare l’esecuzione di accordi raggiunti a Minsk (Bielorussia) il 12 febbraio. Si richiede inoltre l’immediata liberazione della prigioniera in Russia e deputata della Verkhovna Rada Nadia Savchenko e tutti gli altri illegalmente trattenuti cittadini ucraini, tra cui il regista Oleg Sentsov.

Assemblea supporta strategiche aspirazioni dell’Ucraina all’integrazione europea e sottolinea che, in conformità con l’art. 49 del trattato sull’Unione Europea, l’Ucraina come stato europeo ha una prospettiva europea e puo presentare domanda di adesione all’UE. A questo proposito, lei invita i parlamenti dei paesi membri dell’UE ratificare rapidamente l’accordo di associazione, in modo che completamente entrerà in vigore dal 2016.

La dichiarazione, inoltre, si propone di intensificare la cooperazione tra le delegazioni parlamentari ucraine, polacche e lituane presso le istituzioni internazionali, in particolare nell’Assemblea parlamentare della NATO, Consiglio d’Europa e dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ma anche di rafforzare la collaborazione a livello di parlamento Europeo.

La dichiarazione ha firmato il presidente Lieti di Vladimir Groysman, maresciallo del senato Polacco Bogdan Borusewicz e il presidente del Sejm della Lituania Loreta Graužinienė.

Lascia un commento