Il Сremlino intimidisce i genitori morti in Ucraina soldati russi, — la stampa americana

I genitori dei soldati russi morti in Ucraina, sono in silenzio e non si azzardano cercare la verità sulla morte del loro figli, su quest’oggi, scrive il «The New York Times».

I militari russi, quali erano segretamente inviato a combattere in Donbass, in caso di morte, devono essere sepolti di notte o di mattina presto, per quanto è possibile, permettendo al numero ridotto di persone di vedere certi » funerali».
I genitori dei soldati russi intimiditi e non sono alla ricerca della verità. «Alle famiglie delle vittime vietano di parlare con chiunque della morte del figlio o del marito. E se cominciassero a parlare, minacciano loro la privazione di aiuti di stato» -si legge nell’articolo.

«Siamo gente comune. Avete più voi le opportunità di scoprire la nostra verità», ha detto ai giornalisti lo zio del sergente Vladislav Barakov del villaggio di Seleznevo, morto in circostanze misteriose.

Avvocato Leo Shliosberg, che ha un elenco di militari russi, morti in Ucraina, dice, che il Cremlino ha rilasciato il segreto l’ordine di negare la morte di soldati russi in Donbass. Nell’elenco di Shliosberg 12 nomi, la cui morte in ucraina è stata verificata. Tuttavia, si convince che il vero numero delle vittime conta centinaia di nomi.

Della morte di militari russi i loro parenti sapranno dopo che i soldati smettono di telefonare a casa. L’attivista per i diritti umani Elena Vassilieva dice che in tal caso, per ottenere spiegazioni, cos’è successo ai soldati, quasi impossibile.
Shliosberg dice che i genitori di vittime spesso si rifiutano di cercare la verità sulla morte di loro figlio.
«A loro non importa. Per loro la guerra è finita», dice l’avvocato.

Lascia un commento