La minaccia da parte della Russia è reale: siamo già in prima linea, passa la prima fase di confronto, — Grybauskaite

Per i paesi Baltici si è verificato un reale pericolo, devono prepararsi a respingere gli attacchi per un minimo di tre giorni fino a quando in aiuto arrivano gli alleati, ha detto il 4 marzo presidente Lituana Dalia Grybauskaite.

Lo ha detto, rispondendo alla domanda di giornalisti stranieri su discorso di ritorno del servizio militare obbligatorio.

«Fino al 2008 abbiamo avuto il servizio militare obbligatorio, abbiamo pensato che questo non è più necessario. Ma accanto ai nostri confini la situazione geopolitica è cambiata, ci siamo resi conto che la minaccia è molto reale. La minaccia è reale per l’intera regione dei paesi Baltici. I nostri vicini di casa sono poco prevedibili, voglio dire la Russia», ha detto Grybauskaite.

La presidente ha parlato e di una maggiore attività dell’esercito russo nella provincia di Kaliningrad, nel mar Baltico, in spazio aereo Baltico, dove i voli degli aerei russi, secondo la presidente della Lituania, rappresentano una minaccia per l’aviazione civile.

«Conosciamo le procedure della NATO. Una reazione rapida delle forze di  possono agire come minimo dopo 72 ore. I paesi Baltici sono abbastanza piccoli. Noi stessi abbiamo bisogno di difendersi entro 72 ore, e forse più a lungo», ha detto.

Il ritorno dei recluti ha chiamato esplicita l’informazioni che consenta di far capire, che la Lituania si difenderà.

Secondo Grybauskaite, contro i paesi Baltici, sono già in corso gli attacchi informatici.

«Siamo in prima linea, passa la prima fase di confronto, nel senso di guerra informatica e la propaganda. Dunque, ci hanno già attaccati. Ora dobbiamo difenderci da questo comportamento aggressivo», ha detto il presidente.

In una conversazione con i giornalisti lituani Grybauskaite ha anche sottolineato che i lituani hanno l’obbligo di proteggere il suo paese.

Lascia un commento