La missione internazionale viene nuovamente inviata a raccogliere prove per il caso di Boeing malese

In Ucraina oggi inizia una nuova missione nell’ambito di un indagine sulla caduta del volo МН17. Lo ha annunciato il capo di gestione investigativa del Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) Basiliy Vovk, riferisce il servizio stampa del demanio.

«Su incarico del gruppo della cooperazione internazionale investigativo la missione sarà effettuata dagli esperti della polizia Nazionale dei Paesi Bassi e SBU con l’aiuto dell’OSCE. L’inchiesta, che durerà al massimo due settimane, è finalizzata alla raccolta di prove a sostegno o a confutazione di versioni diverse in merito alle circostanze dell’incidente aereo», si legge nel messaggio.

Sul corso e i risultati di indagine di questa missione non sarà alcun annuncio.

Ricordiamo che un paio di settimane fa nella parte orientale dell’Ucraina è stata completata la missione investigativa. Sono stati inviati in Olanda i resti umani, gli oggetti personali e pezzi del relitto dell’aereo per ulteriori indagini.

Il Boeing-777 «delle linee aeree Malesi», effettuando volo MH17 da Amsterdam a Kuala Lumpur, si è schiantato il 17 luglio 2014 in provincia di Donetsk. L’aereo è caduto nei dintorni di villaggio Grabovo. Tutti i 298 passeggeri e membri dell’equipaggio che erano a bordo sono morti. Gli esperti olandesi hanno concluso che il chip inceppato nella fusoliera del abbattuto Boeing, è parte di un missile ADMS «BUK». Però il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha chiamato » la bugia» un messaggio che informa che il Boeing è stato abbattuto da un «BUK» russo.

Anche in precedenza, la parte russa ha dichiarato sulla presenza di prove che l’aereo è stato abbattuto da un bombardiere delle Forze Aeree ucraine Su-25.

Ricordiamo, 16 aprile, gli esperti della Malesia e dei Paesi Bassi hanno ripreso i lavori per trovare i frammenti dell’aereo abbattuto e gli oggetti personali delle vittime.

Paesi bassi contano di completare l’indagine relitto MH17 in Donbass entro il mese di ottobre 2015.

Lascia un commento