Morì la grande ballerina Majja Plisetskaja

Tragica e assordante notizia è arrivata dalla Germania: oggi dopo un attacco cardiaco, è morta stella del balletto russo e mondiale Majja Plisetskaja.

Lo ha detto Vladimir Urin, direttore generale del teatro Bolshoj. «Mi ha telefonato il coniuge della ballerina Rodion Scedrin. Lei è morta da un pesante attacco di cuore. I medici hanno combattuto, ma nulla si è potuto fare«, ha detto Urin.

Maya Plisetskaja era nata il 20 novembre 1925 a Mosca.

La ricorderemo per «La morte del cigno«, su musica di A. Saint-Saënsil numero che avrebbe danzato per tutta la vita. Successivamente in tour all’estero aveva dei concerti, in cui faceva il «cigno Morente» per quattro volte di fila. Mai faceva ripetizioni, ballerina sempre cambiava: usciva da diversi quinte, appariva con le spalle al pubblico, faceva diversi accenti nel finale di posa. Invariati sono rimasti solo i movimenti delle sue mani da cigno, che le portarono la gloria in giro per il mondo.

cultura Morì la grande ballerina Majja Plisetskaja

Majja Plisetskaja lavorato in teatro Bolshoj fino al 1988. Nella storia del balletto entrati il suo ruolo nel «Lago del cigno», «Il fiore di pietra», «La bella addormentata», Spartacus, «Giselle», «Raymonda» e altri. Tutti questi ruoli hanno affinato lo stile di Plisetskaja — grafica, caratterizzato da eleganza, intensità e raffinatezza di ogni gesto e la postura, ogni singolo pà e coreografica di un disegno generale. Raro talento di attrice brillante, tragico — si è manifestata in un lotto di Carmen nel balletto «Carmen suite», consegnato Alberto Alonso appositamente per i Majja Plisetskaja. L’immagine di Carmen, uno dei ruoli principali di Plisetskaja nel repertorio del teatro Bolshoj di Mosca, è stata manifestata la più intensa manifestazione della manualità creativa del grande ballerina.

Majja ha dimostrata e come talentuosa maestra di balletto. Lei ha messo nel teatro Bolshoj, balletti R. K. Ščedrin «Anna Karenina», «il Gabbiano», «la Signora con il cane», che ha come artista principali partiti. Nel 1984, a Roma, ha messo il balletto di «Raymonda» A. K. Glazunov.

Vincitore del premio Lenin (1964), il Premio Anna Pavlova (1962, Parigi), premio del balletto  professionale «l’Anima della danza» premio «Legend» (2009). Premiata con ordini francesi di Commendatore della letteratura e dell’arte (1984) e della Legion d’onore (1986, 2012), la medaglia d’oro delle belle arti di Spagna (1991), gran croce di Commendatore dell’ordine «Per meriti per la Lituania» (2003). Assegnato un  premio Internazionale Imperiale del Giappone (2006).

Nel 1985 a Plisetskaja conferito il titolo di dottore della Sorbona, nel 1993 - professore onorario all’università statale di Mosca  M. Lomonosov.

Lascia un commento