Il segretario generale dell’APCE Jagland ha annunciato l’esclusione della Russia da questa organizzazione

Il segretario generale dell'APCE Jagland ha annunciato l'esclusione della Russia da questa organizzazione

Se la Russia non rinnoverà i pagamenti per il bilancio del Consiglio d’Europa nel 2019, la sua partecipazione agli organi statutari dell’organizzazione sarà terminata.
Secondo Tsenzor.NET, con riferimento alla «verità europea», tale dichiarazione è stata fatta dal segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjørn Jagland, intervenendo a un dibattito sul futuro dell’organizzazione.

Il Segretario Generale ha ricordato che lo statuto prevede l’imposizione di ulteriori sanzioni a uno Stato che non paga le quote associative. In questo caso, il Comitato dei Ministri (l’organo esecutivo del Consiglio d’Europa — il CMCE) può fermare la partecipazione della Russia ai lavori dell’APCE e del CMCE.

Jagland ha espresso la convinzione che in caso di un’ulteriore mancanza di pagamenti, queste sanzioni dovrebbero essere imposte alla parte russa. «Secondo lo statuto, se lo stato non paga due anni, si applica l’articolo 9. Due anni (pagamenti russi) arriveranno il prossimo giugno e penso che dopo questo il Comitato dei ministri non può semplicemente, ma dovrebbe applicare questo articolo», ha detto il Segretario generale. «È assolutamente inaccettabile tollerare che un paese che è ancora qui non paghi contributi: uno non può essere un mezzo membro, non la metà, sarebbe un disastro per l’intera convention», ha aggiunto.

Jagland, come notato, anche per la prima volta ha pubblicamente suggerito che, a seguito del conflitto, la Russia potrebbe lasciare del tutto l’organizzazione. Fino ad ora, il Segretario Generale ha categoricamente respinto questa possibilità. Nel caso dell’inizio della procedura per l’uscita della Russia, il Segretario Generale prevede di modificare il budget dell’organizzazione.

«Se diventa chiaro che la Russia sta uscendo (la Russia è fuori), allora proporrò immediatamente al Comitato dei Ministri un bilancio riveduto del Consiglio d’Europa», ha detto.

Il Segretario Generale ha dichiarato che intende presentare formalmente questa posizione durante una riunione del Comitato dei Ministri alla fine di questa settimana.

Lascia un commento