L’FSB ha arrestato due pescatori ucraini nel Mar d’Azov

L'FSB ha arrestato due pescatori ucraini nel Mar d'Azov

Russo FSB Servizio di frontiera detenuto nel mare vicino alla colonia di divertimento-Voznesenk (Russia) due cittadini ucraini, che è stata effettuata da piccole barche da pesca.
Secondo Tsenzor.NET, questo è indicato nel centro stampa del quartier generale della OOS sulla pagina di Facebook.

«I dipendenti del Servizio di frontiera del FSB nel mare vicino alla colonia di divertimento-Voznesenka (RF) arrestato due cittadini ucraini, che ha effettuato la pesca con piccole imbarcazioni Prima di Taganrog Bay pescatori ucraine uscirono dalla occupato temporaneamente il freddo paese.» — ha detto in un comunicato.

Come notato, il reparto di frontiera del FSB riporta nessun permesso di recuperare risorse biologiche di acqua e l’apertura degli ucraini contro di loro i casi di illeciti amministrativi.

È stato riferito che sotto il controllo della Federazione Russa, le autorità autoproclamate responsabili della gestione del territorio occupato temporaneamente dell’Ucraina, spingendo le richieste illegali sul recupero contanti da pescatori a favore dell’amministrazione occupazione, costringendo le persone a prendere i rischi e cercare la migliore pesca al largo delle coste del paese aggressore, quindi esponendoli al pericolo di essere rappresentanti detenuti del servizio di frontiera dell’FSB della Federazione russa.

Le guardie di frontiera delle Forze Unite ricordano i pescatori per la pericolosa situazione che esiste oggi nel Mare di Azov, e consigliato per il bene della loro propria libertà necessario per effettuare i documenti di identità, andare in mare da un punto-based e non deviare troppo lontano dalla riva specificato.

Lascia un commento