In un’esplosione a Lviv una donna-poliziotto di 31 anni perso una gamba

Nella seconda esplosione di martedì, 14 luglio, a Lviv vicino ad un punto operativo di polizia con un intervallo di un’ora dalla prima esplosione, l’agente di polizia ha perso una gamba.

Come informa l’ufficio stampa di polizia provinciale.

«Circa le 10.00 esplosione si è verificata alle porte di un punto operativo di polizia in via Yuri Lipa. La donna colpita è una poliziotta di 31 anni, che nell’esplosione ha perso una gamba», ha affermato il portavoce regionale di gestione degli affari interni Svetlana Dobrovolskaya.

Secondo lei, le condizioni della vittima sono gravi, come anche di suo collega, che è stato colpito vicino un’altro punto operativo di polizia in via Plugova.

L’indagine è in corso. Si verificano tutte le circostanze dell’incidente.

A Lviv alle 9 circa di questa mattina alle porte del punto operativo di via Plugova ci fu un esplosione, nel momento in cui nel Distretto di Polizia Shevchenkivskiy aprivano la porta. Secondo i dati preliminari, l’esplosione è avvenuta a seguito di detonazione automatica.
Un 24 anni tenente di polizia ferito è stato ricoverato in ospedale con più ferite da schegge alla testa e al corpo. Lo stato del poliziotto è grave.

Lascia un commento