L’unione «Le madri dei soldati» richiedono le autorità della Federazione Russa di spiegare come i commandos Yerofeev e Aleksandrov sono apparsi in Donbass

In Russia «Le madri dei soldati» hanno inviato una richiesta alla procura militare della repubblica, chiedendo di chiarire il destino di soldati di Togliatti Eugeniy Yerofeev e Alexander Alexandrov, detenuti vicino a Schastia.

Segretario responsabile «dell’Unione dei comitati delle madri dei soldati», il membro del consiglio Pubblico presso Ministero della Difesa  Valentina Melnikova si è rivolta al procuratore capo ispettore della Federazione Russa Sergei Fridinskiy con la richiesta di chiarire lo status di uno dei detenuti russi in Ucraina, che le forze dell’ordine ucraine ritengono combattenti GRU.

Come ha detto all’agenzia l’attivista per i diritti umani, all’organizzazione di «Le madri dei soldati» si è rivolto via e-mail e SMS, un soldato del contratto militare di unità n. 21208 Aleksandrov Alessandro, con la richiesta di darli un aiuto per il ritorno in Russia».

estero politica-ucraina L unione Le madri dei soldati richiedono le autorità della Federazione Russa di spiegare come i commandos Yerofeev e Aleksandrov sono apparsi in Donbass
Nella sua lettera al Fridinskiy, Melnikova chiede la procura militare di rispondere ad alcune domande: «Su quale ordine il soldato si trovava in Ucraina?», «In quali circostanze, il modo in cui il sergente Aleksandrov è riuscito a passare il confine di stato?», «Quali sono misure adottate dalla procura militare per il ritorno del soldato?» e «Se il MInistero degli Affari Esteri della Federazione Russa il ritornodi Alessandro sul territorio della Russia?» Inoltre, le madri dei soldati chiedono la procura di adottare «tutte le misure possibili per la liberazione di Alessandro nel caso di un successivo scambio di prigionieri «tutti a tutti» in Ucraina».

Lascia un commento