Per il «Muro» l’unione Europea ha fornito l’Ucraina 235 milioni di dollari — Yatsenyuk

Per il progetto di costruzione di un «Muro» al confine ucraino-russo, l’unione Europea ha stanziato 235 milioni di hrivni (valuta nazionale ucraina). Tutto il progetto costerà 500 milioni di esse. Lo ha annunciato il primo ministro Arsenio Yatsenyuk durante il controllo di avanzamento del progetto.

Oggi di questi soldi, secondo il premier, non abbiamo ancora preso niente. Ma dal bilancio sono già stati stanziati 7 milioni di hrivni.

«L’obiettivo è di ottenere il massimo aiuto da parte dei nostri donatori internazionali. Non basterà, e sarà necessario finanziare ulteriormente dal bilancio dello stato. Ma cosa finanziamo? Finanziamo il nostro confine, la nostra difesa, le imprese e i posti di lavoro» — cita il capo del governo ucraino l’ufficio stampa del Gabinetto.

In questa fase, al progetto già aderito 1145 volontari.

Yatsenyuk ha espresso la convinzione che il progetto consentirà fermare l’immigrazione illegale, i gruppi di sabotaggio, il contrabbando, lo spostamento di armi e materiali radioattivi.

«E soprattutto — se non ci sono confini, il regime senza visti con l’Unione Europea non ci darà nessuno. Senza confini, la domanda di adesione dell’Ucraina all’alleanza Atlantica non si può di certo risolvere», ha sottolineato.

Lascia un commento