> All'estero ora vedranno i russi come fonte di minaccia militare - News Ucraina

All’estero ora vedranno i russi come fonte di minaccia militare

Nella nuova dottrina Militare della Federazione Russa, c’è un articolo, che consente al paese di attaccare qualsiasi paese, dove vivono i russi. Così ha commentato il documento l’oppositore russo Boris Nemtsov.

In particolare, si tratta di articolo 22 della dottrina: «l’Impiego delle Forze Armate, di altre forze e corpi, le loro principali attività in tempi di pace, in un periodo di molte di minaccia e di aggressione in tempo di guerra. 22. La Federazione russa, ritiene legittima l’applicazione delle Forze Armate, le altre truppe e di polizia per respingere l’aggressione contro di lei e / o i suoi alleati, il mantenimento (recupero) del mondo, secondo la decisione del Consiglio di Sicurezza delle nazioni unite, di altre strutture di sicurezza collettiva, ma anche per assicurare la protezione dei suoi cittadini al di fuori del territorio della Federazione Russa, secondo principi universalmente riconosciuti e le norme del diritto internazionale e dei trattati internazionali della Federazione Russa».

«Non c’è niente di nuovo in questo…Ma ora, per i cittadini russi che vivono all’estero, Putin ha creato enormi problemi. Gli guardano come fonte di costante minaccia militare. È improbabile che per i nostri compatrioti, sarà un piacere», ha scritto Nemtsov.

La nuova edizione di dottrina Militare» il presidente russo ha firmato il 26 dicembre scorso. Come ha riferito l’ufficio stampa del Cremlino, i cambiamenti in primo luogo riguardano la comparsa di nuove minacce della federazione RUSSA, che hanno dimostrato di essere nella situazione in Ucraina e attorno a lei e anche a eventi in nord Africa, in Siria, in Iraq e in Afghanistan».

Lascia un commento