> Ucraina storia - News Ucraina

Ucraina storia

Breve storia Ucraina

1000 anni a.c. – sul territorio del paese abitarono le tribù dei cimmeri.
VII secolo a.c. — l’emergere la tribù degli sciti.
V sec. a.c. – i greci fondarono diverse colonie lungo la costa (Olbia, Tiro, a Chersonissos, Panticapei). In Crimea sorse regno di Bosforo.
II sec. a.c. — la diffusione delle tribù sarmati.
V sec. — emergono le tribù slava (antichi).
VII sec. — il verificarsi di principati slavi tribù
Anno 882 — la formazione dello stato unitario Rus ‘ di Kiev.
Anno 988 — l’adozione del cristianesimo (il principe Vladimir il Santo).
Anno 1051. — fondazione di Lavra Kiev-Pechersk.
ХІІ sec. — ebbe inizio il periodo della frammentazione feudale.
Anno 1223 — il primo scontro armato con i tartaro-mongoli (battaglia sul fiume Kalka).
Anni 1239 – 1240dai — la conquista della Russia tartaro-mongoli (Batu khan).
XIV sec. — come parte del Granducato di Lituania.
XV sec. — nasce Khanato di Crimea.
XVI sec. — formazione di esercito cosacco – Sich di Zaporozhye.
Anno 1569 – entra a far parte della confederazione polacco-lituana.
Anni 1648 — 1654 — a livello nazionale la guerra di liberazione del popolo ucraino contro dai polacchi (Bogdan Khmelnitsky ).
Anno 1654. – Pereyaslav Rada e unione della parte sinistra (sponda sinistra del fiume Dnipro) dell’Ucraina alla Russia.
1667г. — tregua di Andrusiv tra Russia e Polonia. L’approvazione della riva sinistra dell’Ucraina e di Kiev come parte della Russia.
Anni 1708 — 1709 — campagna di svedesi (Karl XII) in Ucraina. Il tentativo di hetman Mazepa di uscire dal potere di Russia.
Anno 1709 — attaglia di Poltava e la sconfitta dei svedesi dai russi.
Anno 1722 — creazione del collegio di Malo Russia, che controllava l’attività di hetman ucraino.
Anno 1775 — le truppe russe eliminano Sich di Zaporizhzhya.
Anno 1783 — adesione di Crimea alla Russia.
Anno 1785 — equazione nei diritti di sottufficiali cosacchi con la nobiltà russa.
Anno 1791 — la Russia ha ricevuto le terre tra i fiumi Bug meridionale e Dniestr.
Anni 1793 — 1795 — a causa della liquidazione dello stato polacco Russia ha preso l’Ucraina della riva destra e Volyn.
Anni 1906 — 1910 — la riforma agraria di Stolypin ha contribuito allo sviluppo di grandi aziende agricole in Ucraina.
Anno 1917 — fondazione a Kiev di governo di Rada Centrale. La proclamazione di indipendenza del paese.
Anni 1917 — 1920 — guerra civile. Bolscevichi ucraini con l’aiuto della armata Rossa, hanno ottenuto una grande vittoria.
Anno 1920 — la guerra tra la Russia Sovietica con la Polonia e la trasmissione alla Polonia della Ucraina Occidentale.
Anno 1922 — entrata di Ucraina in URSS.
Anno 1939 — il ritorno dell’Ucraina Occidentale, a seguito di un attacco sovietico alla Polonia.
Anno 1940 – l’adesione all’Ucraina il Nord della Bucovina.
Anno 1941 — 1944 — l’occupazione tedesca dell’Ucraina nel corso della II guerra mondiale.
Anno 1945 — inclusione di Transcarpazia all’Ucraina. Ucraina SSR è membro delle nazioni unite.
Anno 1954 – l’adesione di Crimea all’Ucraina (dalla Russia).
Anno 1986 — l’incidente alla centrale NUCLEARE di Chernobyl.
Il 24 agosto 1991 — la proclamazione di indipendenza dell’Ucraina

Cultura Ucraina

Caratteristiche generali

A causa di difficoltà del percorso storico dell’Ucraina (conquista dai mongolo-tartari nel XIII secolo, l’espansione polacco-lituano nel XIV-XVI secolo, la dipendenza da imperi Russa e Austriaca del XIX-XX secolo), in ambito nazionale la cultura popolare ha svolto un ruolo eccezionale. Questo è accaduto, così come nel XVI secolo, quando boiardi feudali convertì al cattolicesimo e cultura polacca, e alla fine del XVIII secolo, quando i primi ufficiali cosacchi erano russificati, la società si è sviluppata in gran parte senza appagante elite culturale nazionale.

I veri creatori e portatori di cultura hanno continuato a rimanere le grandi masse della società — contadini, cosacchi, gli artigiani. Cultura ucraina per lunghi periodi della sua storia si è sviluppata come popolare(folk). Una grande parte occupato da folclore, dalle tradizioni popolari, che davano un fascino particolare e colorato. Particolarmente brillante si è manifestata in arte – nei pensieri popolari, canzoni, danze, arti e mestieri. Proprio grazie alla conservazione e alla tradizione, le cui origini risalgono alla cultura della Rus’ di Kiev, è reso possibile la crescita della cultura ucraina come in XVI e il XVII secoli, e il rinascimento culturale nel XIX secolo.

Allo stesso tempo consistente e le conseguenze negative di questo tipo di sviluppo della cultura culturale nazionale. Per un lungo periodo molte persone di talento che sono nati e cresciuti in Ucraina, poi la lasciavano, legando la sua vita e la creatività con quella russa, polacca e di altre culture. Inoltre, i progressi nel campo delle scienze naturali sono stata espressa meno forte rispetto al umanitaria.

Tuttavia, un’autentica e antica sistema di istruzione, che raggiunse il suo massimo splendore durante il periodo di Cosacchi e ha fatto quasi una quasi totale alfabetizzazione della popolazione, una lunga tradizione di bibliografia, attenzione verso i principali centri d’Europa, in particolare in bizantina, le tradizioni culturali, il ruolo dell’Ucraina-Rus’ come centro del cristianesimo in mondo Oriente-Slavo, così come il centro delle scienze e l’istruzione superiore attraverso una rete di Collegium, dell’accademia di Ostrog e Kiev-Mohyla; mecenatismo e il sostegno della cultura di prossimità di eccezionali statalisti — Costantino di Ostrog, Peter Konashevych-Sahaidachny, Ivan Mazepa e altri, ha permesso di sollevare la cultura ucraina a livello mondiale, di creare una serie di classici capolavori nel campo della stampa, di architettura, di letteratura, di ottenere significativi successi nel campo della scienza.

Noto ricercatore di cultura ucraina Ivan Oghienko osservava che alla cultura ucraina fin dall’inizio erano inerenti l’apertura al mondo, la mancanza di xenofobia e l’umanesimo. Parlando del senso umanistico di cultura ucraina, è necessario notare che il sistema di valori di questa cultura nel suo periodo di maggiore sviluppo (XVII-XIX secolo) era abbastanza specifico. La ricchezza di materiale per la conclusione dà eredità artistica di Gregorio Scovoroda, Feofan Prokopovych, Panteleimon Kulish, Taras Shevchenko. Nei suoi scritti filosofici risolvevano il problema sull’entità e le condizioni della felicità umana, sul senso dell’esistenza umana.

A differenza di opinione pubblica di altri paesi europei, dove i problemi della povertà, delle malattie e d’inciviltà era previsto di superare attraverso il progresso tecnologico, migliorando la produttività, con fatica dei monarchi illuminati e di sperimentazione sociale, pensatori ucraini fanno appello altrui. ”Il lavoro relativo” e la conoscenza di sé, la libertà, per la quale non è dispiace di rinunciare al benessere, la limitazione alle esigenze di vita, la spiritualità, piuttosto che materialità — sono questi modi e le ricette di felicità, a cui hanno aderito e che avevano promosso i leader dei pensatori ucraini nello spirito del tardo esistenzialismo europeo. Oggi tali approcci sono di particolare importanza per tutta l’umanità.

Il popolo ucraino ha una storia ricca e turbolenta. Ha dovuto vivere ad un bivio, attraverso il quale sono passati diversi popoli e nazioni. Quasi ognuno di loro ha tentato di conquistare il territorio ucraino. In tali pesanti, difficili condizioni di vita ha dovuto difendere la propria libertà da nemici, doveva esserci anche schiavi. Questa lotta ha educato in ucraini lo spirito luminoso e caratteristico — amare la libertà. Proprio essa ha portato a quello che già alla fine del XVI secolo, in Ucraina si è compiuta la prima, in quei tempi, democrazia. Sich di Zaporizhzhya è diventato un potente baluardo di democrazia e di libertà, non solo per se stessa, ma anche per le nazioni confinanti. Pertanto, che tutta la creatività di un popolo è permeato da carattere di amante della libertà. A volte perdendo la libertà, l’indipendenza, gli ucraini gli dolevano, e questa angoscia e la lotta per la libertà riproducevano in tutte le manifestazioni della sua creatività in un mare infinito di canzoni intime, pensieri, leggende; in pittura, in ricamo, in ceramica, in tessitura e così via.

Lascia un commento